Torna all’indice degli Autori dal mondo

Back to Italian Playwrights index

Köck, Thomas

OPERE
OPERA

beyond fukuyama

(2014)

Personaggi
3 D; 2 U
Titolo originale
jenseits von fukuyama
Traduzione
Adriano Murelli
OPERA

Isabelle H. - geopfert wird immer

(2015)

Personaggi
2 D; 2 U
Titolo originale
Isabelle H. - geopfert wird immer
Contenuti extra

Debutto 07.01.2016, Pfalztheater Kaiserslautern, regia: Ingo Putz

OPERA

trilogia sul clima 1 - inondare il paradiso. sinfonia smarrita

(2015)

Personaggi
Distribuzione variabile
Titolo originale
paradies fluten. verirrte sinfonie
Traduzione
Clelia Notarbartolo
Sinossi

Prima parte della “trilogia sul clima”

Contenuti extra

Debutto 02.06. 2016, Recklinghausen

OPERA

trilogia sul clima 2 - affamare il paradiso

(2015)

Personaggi
2 D; 1 U
Titolo originale
paradies hungern
Traduzione
Clelia Notarbartolo
Sinossi
Seconda parte della “trilogia sul clima”

Tre sono i protagonisti della seconda parte della “trilogia sul clima” di Thomas Köck e, benché il teatro della sconfitta sia diverso per ciascuno di essi, mostrano tutti e tre i sintomi della stessa malattia, ossia un’insaziabile fame di comunicazione, comunità e rapporti interpersonali.
Ben, la cui solitudine all’interno del suo appartamento finisce per causare la diffidenza del vicino, il quale alla fine gli aizza contro la polizia.
Maggie, che dalla periferia si è fatta strada fino a raggiungere il centro della città, ma che vive nella costante paura di essere nuovamente sospinta ai margini e che, suo malgrado, finisce travolta dalle violente cariche della polizia nel corso di una manifestazione.

E infine Caro, reporter di guerra bloccata in un albergo di lusso nel bel mezzo del deserto alla ricerca della scoop che potrebbe dare una svolta alla sua carriera.

Tre storie apparentemente separate, ma che talvolta e del tutto inaspettatamente sembrano invece sovrapporsi, essere parte di una sola storia, nella quale isolamento e disfatta delle utopie sociali fanno da padroni.

E al di sopra delle tre storie – o della loro comune storia – a regnare incontrastate sono le immagini, ogni sorta di immagine. Dalla pornografia della catastrofe al ricordo personale fino all’immagine che ognuno ha di se stesso o degli altri. Immagini che, siano esse veritiere, manipolate o addirittura sbagliate, si cementano nella mente di ciascuno di noi e di cui è quasi impossibile liberarsi e che, via via che si accumulano, vanno a formare la nostra immagine del mondo.

cerchi di resistere all’immagine ma l’immagine ha una sua logica oscura, una volta che ti cattura non ne esci più, cadi vittima dell’immagine nella cornice del tuo punto di vista”.
Contenuti extra

Debutto 24.10.2015, Hessisches Landestheater Marburg, regia: Fanny Brunner

OPERA

kudlich (eine anachronistische puppenschlacht)

(2016)

Personaggi
2 D; 3 U; in base alle possibilità 1 coro, 1 marionetta e 1 nano
Titolo originale
kudlich (eine anachronistische puppenschlacht)
Contenuti extra

Debutto 25.11.2016, Schauspielhaus Vienna, regia: Marco Štorman

OPERA

trilogia sul clima 3 - inventare il paradiso (occidente. un canto del cigno)

(2017)

Personaggi
3D; 3U; un coro nell'infinita corsa tra i ghiacci eterni dell'era tardo-moderna
Titolo originale
paradies spielen (abendland. ein abgesang)
Sinossi

Terza parte della “trilogia sul clima”

Doris, Fred, Marianne, Sonja e Martin sono cinque passeggeri dell’Intercity Express 299. Se inizialmente sembra trattarsi di un viaggio come un altro, man mano che proseguono, le informazioni ricevute dal controllore si fanno sempre più incerte: all’inizio è la destinazione a non essere chiara, poi il luogo dove effettivamente al momento si trovino, poi il ritardo accumulato… alla fine il treno smette del tutto di fermarsi alle stazioni e inizia ad accelerare. Anche il panorama che sfreccia al di là dei finestrini muta: non più i consueti paesaggi europei, bensì un’immensa landa di ghiaccio, attraverso la quale l’ICE 299 corre irrefrenabile e fuori controllo, tanto da domandarsi che fine abbia fatto il macchinista in tutto questo.

Sempre su un treno inizia la storia de IL SARTO e di LEI che dalla Cina, attraversando la rotta kazaka percorsa dalle merci high-tech, raggiungono la zona industriale Macrolotto di Prato, dove anziché la loro fortuna, trovano le stesse condizioni di lavoro alle quali erano soggetti in Cina e infine la morte.

E nel frattempo, circondato dalla madre, dalla figlia e dal figlio in tuta protettiva, il padre giace in un letto d’ospedale con ustioni di terzo grado riportate a seguito di un incendio che potrebbe aver provocato lui stesso all’interno della falegnameria nella quale lavorava.

In questa terza e ultima parte della “trilogia sul clima”, Thomas Köck scava nella storia e cerca di venire a capo dei meccanismi economici che regolano il nostro mondo e che, come l’ICE 299, sembrano aver ormai preso vita propria e perso ogni freno, espellendo l’essere umano che per primo aveva dato loro avvio. E si immagina l’aspetto che avrà il mondo quando inevitabilmente arriverà lo schianto.
Contenuti extra

Debutto 15.12.2017, Nationaltheater Mannheim, regia: Marie Bues