Debutto Fine dell’Europa di Rafael Spregelburd

Debutta l’11 Ottobre 2017 al Teatro Duse di Genova la nuova pièce di Rafael SpregelburdFine dell’Europa.

FINE DELL’EUROPA
di Rafael Spregelburd

 

regia Rafael Spregelburd
 

con Robin Causse, Julien Cheminade, Sol Espeche, Alexis Lameda-Waksmann, Adrien Melin, Valentine Gérard, Sophie Jaskulski, Emilie Maquest, Aude Ruyter, Deniz Özdogan
drammaturgia e traduzione Guillermo Pisani
con la collaborazione di Manuela Cherubini
scena e luci Yves Bernard
video Quentin Vigier
assistente alla regia Federico Perrone
direttore di scena Camille Faure
capo elettricista Marco Giorcelli

 

coproduzione Teatro Stabile di Genova, Comédie de Caen, Comédie de Reims-CDN, Théâtre de Liège

 

La fine è un’illusione utile e vendicativa.
Utile, perché ciò che finisce deve per forza aver avuto un inizio e quindi ogni fine sussurra che il destino si ordina in linea retta e non secondo pura casualità.
Vendicativa, perché chi annuncia una fine acquisisce immediatamente un enorme potere: colui che indica la fine lo fa perché sente che ad essa è sopravvissuto. Ed è in questa sopravvivenza che si misurano le forze.
Perché la fine è sempre quella degli altri, è per gli altri. Per la propria fine non c’è lingua né campionario.
Questo spettacolo, come un fascicolo perduto di una qualche enciclopedia del contemporaneo, mette alla prova l’utilità e la vendetta di otto fini possibili, scelte come favole morali fra molte altre possibili.

 

Cogliamo l’occasione per ricordarvi che dello stesso autore sono disponibili altri testi, tra i quali l’Eptalogia di Hieronymus Bosch (composta dalle sette pièce L’inappetenza, La stravaganza, La modestia, La stupidità, Il panico, La paranoia e La cocciutaggine),  Todo e Lucido.

 

Scriveteci attraverso il nostro form di contatto, rimaniamo a vostra disposizione per maggiori informazioni e per spedirvi i testi in lettura via mail!