FAQ

In base alle domande che ci vengono poste più frequentemente e alla nostra esperienza ventennale, abbiamo stilato qualche punto di informazione; per ulteriori e più approfonditi dettagli, vi preghiamo di contattarci.

Vi ricordiamo comunque che le note sotto riportate hanno una carattere puramente informativo e non hanno valore giuridico.

1. Cos’ è il diritto d’autore?

In base alla legislazione sul diritto d’autore, nessuna opera teatrale tutelata può essere rappresentata, nella sua integrità, in forma di estratti o come libero adattamento, in eventi a pagamento o a titolo gratuito, senza che vi sia un previo consenso scritto da parte dell’avente diritto o il/la suo/sua agente accreditato/a.
Nella pratica del teatro, tale consenso deve essere ottenuto prima dell’inizio delle prove di uno spettacolo. Talvolta può infatti accadere che i diritti di una particolare opera non siano disponibili perché già opzionati o siano stati dati in esclusiva a un’altra produzione.
Per tale ragione, nel vostro interesse, verificate lo stato dei diritti prima di programmare effettivamente delle repliche! È fondamentale essere certi di essere in possesso di una licenza prima di iniziare le prove o promuovere uno spettacolo.

2. Come posso procurarmi i diritti d’autore per mettere in scena una pièce tutelata?

PER LE COMPAGNIE PROFESSIONALI

Vi preghiamo di inviarci una richiesta all’indirizzo e-mail info@zachar.it. In seguito sarete contattati e vi saranno richieste informazioni e dettagli sul progetto di produzione, quali cast artistico, ipotesi sul numero di repliche e date, luoghi nei quali si progetta di andare in scena (con capienza e prezzo medio del biglietto) al fine di stipulare un contratto sui diritti d’autore.

 

PER LE COMPAGNIE AMATORIALI

Al fine di ottenere un’autorizzazione, anche le compagnie amatoriali sono pregate di inviarci una richiesta all’indirizzo e-mail info@zachar.it. Sarete contattati e vi saranno richieste informazioni e dettagli sul progetto di produzione, quali un’ipotesi sul numero di repliche e date, i luoghi nei quali si progetta di andare in scena (con capienza e prezzo medio del biglietto).

3. Quando devo fare la richiesta per l’ottenimento dei diritti?

La richiesta per l’ottenimento dei diritti deve essere inviata in fase iniziale di progettazione: almeno quattro mesi prima della data di debutto, e consigliamo sei mesi nel caso sia necessaria la valutazione di un adattamento o di una nuova traduzione.

In ogni caso vi sconsigliamo vivamente di iniziare le prove prima di aver ottenuto una licenza: indipendentemente da noi, i diritti potrebbero non essere disponibili e di conseguenza la produzione vietata.

4. Quali sono le condizioni generali per l’utilizzazione di un’opera tutelata?

Le condizioni per l’utilizzazione di un’opera del diritto d’autore comprendono accordi di natura economica come la durata contrattuale, la rinnovabilità del contratto, il versamento di un anticipo cauzionale, un minimo garantito a replica ecc.; e altresì comprendono accordi di natura artistica: la traduzione da utilizzare se esistente o da concordare se il testo é inedito, la regia, il cast, ecc.

Tali condizioni variano a seconda di molteplici fattori, primo fra tutti l’autore e le disposizioni che egli può aver stabilito per la realizzazione scenica della sua opera scritta.

Oltre a questo sono considerati altri fattori, tra cui il tipo di produzione, la distribuzione, la capacità delle sale e il prezzo del biglietto.

È necessario sempre effettuare una verifica preliminare in quanto l’autore stesso o l’agenzia primaria possono richiedere condizioni diverse e particolari a seconda del testo e dell’utilizzo, e inoltre richiedere maggiorazioni ai minimi applicati dalla società SIAE.

5. È sufficiente fare la richiesta di autorizzazione in SIAE?

La maggior parte delle opere sono tutelate attraverso SIAE; tuttavia ci sono alcuni casi in cui la tutela è indipendente o si avvale di altre società di autori ed editori.

Le casistiche sono molteplici, vi consigliamo quindi, in seguito a regolare e ufficiale richiesta effettuata in SIAE, di scriverci all’indirizzo info@zachar.it per verificare e avere conferma dello stato dei diritti.

6. Cos’è la cauzione e come funziona?

L’eventuale cauzione da versare è un deposito richiesto dagli aventi diritto alla produzione a garanzia dell’adempimento degli accordi contrattuali, primo fra i quali il rispetto del minimo a replica concordato. Tale cauzione viene calcolata in base a vari parametri, quali il tipo di produzione, di distribuzione, la capacità delle sale e prezzo del biglietto.

In generale, la rimessa della cauzione avviene a produzione chiusa e a diritti maturati.

Nella maggior parte dei casi l’autore è tutelato attraverso la società SIAE, pertanto le tempistiche per la rimessa della cauzione dipendono dai tempi di elaborazione dei dati della SIAE stessa.

Eventuali ritardi o inesattezze nei pagamenti dei minimi garantiti comportano una procedura di recupero crediti presso la Società Autori con conseguente ritardo nella rimessa della cauzione. Da sempre è nostra cura operare nei tempi più brevi e con massima precisione per tutto ciò che è di nostra competenza.

Per qualsiasi domanda, non esitate a mandarci una richiesta per e-mail o compilate il form alla pagina Contatti.