Thomas Köck: inondare il paradiso. sinfonia smarrita

Abbiamo il piacere di presentarvi la traduzione della pièce inondare il paradiso. sinfonia smarrita (parte una della trilogia del clima) dell’autore Thomas Köck, vincitore del Mülheimer Dramatikerpreis 2018:

 

Le post-parche, QUELLA SCORDATA DALLA PROFEZIA e QUELLA IGNORATA DALLA PREVISIONE, lo dicono chiaramente fin dall’inizio: il nostro universo, così come lo conosciamo, è destinato a finire. Il sole prima si espanderà, poi imploderà su se stesso trasformandosi in una nana bianca e cancellando qualunque informazione e traccia del nostro passaggio sulla Terra.

 

Ma prima che ciò si verifichi, la Storia prosegue il suo corso e trascina con sé fino a noi una marea di materiale: persone, ricordi, citazioni, conquiste e avvilimenti, con i quali siamo costretti a confrontarci e che hanno reso il mondo in cui viviamo ciò che è.

 

Mano a mano qualunque risorsa del pianeta Terra si è andata trasformando in oggetto, esseri umani compresi, da usare e poi buttare via nella marea di materiale di scarto che inonda il paradiso perduto; e ormai il processo si è fatto talmente autonomo da investire persino il mondo per il quale tale processo era stato in origine avviato, l’uomo stesso.

 

Con forza poetica e molta intelligenza, Köck alterna scene ambientate in epoca preindustriale ad altre corali in cui dà voce al coro dei naufraghi dispersi, ad altre ancora nelle quali una famiglia media di bianchi centroeuropei degli anni ’90 racconta, attraverso la propria storia, quella di milioni di altri europei. Via via e senza rendercene conto, ci vediamo infatti sottrarre libertà e soggettività da parte di un’economia ormai al di fuori del nostro controllo e che agisce, ormai ente a sé stante, per l’esclusivo bene di se stessa.

 

Scriveteci attraverso il nostro form di contatto, rimaniamo a vostra disposizione per maggiori informazioni e per spedirvi in lettura i testi via mail!